Ancora per ricordare Walter Alasia

Alcuni ricordi non “passano”. Come quello di Walter Alasia 20 anni operaio di Sesto S. Giovanni a Milano, un compagno, un comunista, un rivoluzionario. L’abbiamo ricordato nel post di 2 anni fa  qui.

Ho pensato che forse è utile far conoscere, a chi non ha vissuto quegli anni, il contesto e i commenti di quei giorni. Ecco alcuni articoli de il Manifesto:

Walter 16Dic

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il Manifesto del 16 dicembre 1976

Walter 17Dic-2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il Manifesto del 18 dicembre 1976

Manif 18 Dic-nap-2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il Manifesto del 18 dicembre 1976

Manif 21Dic

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcune riflessioni. Ciascuna/o farà proprie considerazioni:

UNO: perché chiamare “strategia delle tensione” l’inasprirsi dello scontro di classe? Ecco la testata de il Manifetso del 16 dicembre:

testata16dic

 

 

La “strategia della tensione” è una categorie incomprensibile, evanescente, che crea, ed ha creato, un errore di lettura dello scontro di classe di quegli anni. Uno scontro che cresceva e si inaspriva da oltre sette anni e che, con la crisi del 1973 e la risposta operaia adeguata, era giunta a porre il problema del rivoluzionamento dell’ordine capitalistico esistente
*DUE: perché esaltare il consenso operaio al corteo sindacale? Nell’articolo della Maiolo del 18 dic. si parla di “diecimila operaio in sciopero dicono no al terrorismo e alla strategia della tensione”, mentre i volantini dei Comitati operai di Sesto dicono: “ Il corteo sindacale è stato un fallimento: vi partecipano 5-600 operai (su 2.500 iscritti Pci),  28 studenti della Fgci e 4 insegnanti di cui uno aderente ad Avanguardia operaia (Ao); dalla Magneti Marelli si recano al corteo 67 operai iscritti al Pci (su un totale di 380 iscritti) e 7 vicini ad Ao” [da: Emilio Mentasti, Storia del Comitato operaio della Magneti Marelli, pag117].
*TRE: perché mettere tra virgolette “brigatista” per Walter? E perché unire nello stesso articolo l’assassinio di Walter, le bombe fasciste e altri episodi di nera?
per non dimenticare
….buona lettura…

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lotta Armata, Repressione dello Stato e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ancora per ricordare Walter Alasia

  1. Fiamma Schiavi ha detto:

    Quella p..della maiolo … Ciao Walter.Non ho dimenticato

  2. gianni landi ha detto:

    Niente è stato dimenticato di quegli anni perchè certi sentimenti, fortemente interiorizzati, non possono essere cancellati o modificati. Una certa maniera di sentire non cambia come non è possibile pensare che si possa cambiare il proprio carattere, la propria maniera di essere ed oggi, come allora, chi è spettatore insensibile, è “traditore o vigliacco”. Quest’ultimo virgolettato fu il titolo di un articolo che scrissi per la rivista Anarchismo tanti anni or sono. Un unico rammarico: eravamo in pochi , oggi come ieri, ad avere certi sentimenti, mentre “infami” e traditori erano in tanti; comunque disse bene Pisacane….”io vado…”. La storia dell’umanità è fatta così e noi siamo orgogliosi del nostro passato, senza pentimenti o tentennamenti. Ho apprezzato il tuo libro , quello di Prospero e quello di Sante Notarnicola perchè sono quelli che fanno meglio rivivere QUEGLI ANNI VISSUTI FUORI DALLA PALUDE. Un abbraccio ideale a tutti. Gianni Landi

  3. contromaelstrom ha detto:

    Grazie Gianni per i tuoi commenti sempre pieni di rabbiosa vita. Grazie a tutte e tutti che, intervenendo su queste pagine con i loro commenti, le rendeno piene di vita e di voglia di lottare per trasformare completamente questo marcio sistema di sfruttamento, oppressione e disuguaglianze abissali. Buon anno di lotta a tutte e tutti
    Salvatore

  4. giovanni moretti ha detto:

    Ero appena un ragazzo all’epoca, ma non dimentico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...