1974: lo Stato e la Dc rispondono con le stragi al movimento dei detenuti; omicidi e affossamento della riforma

…nel ’74 si assiste a un inasprimento della repressione sulle proteste ancora in corso.

Il 23 febbraio ’74, a Firenze, nel carcere delle Murate è in corso una protesta per la riforma dei codici fascisti e per un nuovo regolamento penitenziario. I detenuti sono sui tetti, non è la prima volta, però la polizia spara, prima lacrimogeni e poi piombo. E quella è la prima volta. Giancarlo Del Padrone, un ragazzo di vent’anni, detenuto per un tentato furto, rimane ucciso, altri otto detenuti vengono feriti.

In molte carceri si impenna la protesta contro gli assassini di Stato. A Genova due giorni dopo si ribellano i detenuti del carcere di Marassi. Una nuova ondata di forti proteste corre da nord a sud. Scontri avvengono anche fuori dal carcere. Il movimento, a quel tempo, non abbandonava i ribelli nelle carceri e il 14 marzo, a Firenze, per un intero pomeriggio si accendono scontri tra polizia e manifestanti sotto il carcere delle Murate, scontri cui i detenuti assistono dalle finestre e partecipano con battiture e urla. Il potere decide di rispondere ancora col piombo.

[da il Manifesto del 26 (sul compagno ucciso alle Murate di Firenze) e 27 febbraio 1974 (Pescara e Roma]

Su questo assassinio c’è una bella canzone di Gianni Siviero. Si può ascoltare qui

 In particolare la n. 008 è dedicata all’assassinio di Giancarlo Del Padrone e la successiva la n. 009 è dedicata alle guardie che sparano. Sono tutte belle canzoni sul carcere. Buon ascolto

Il 9 maggio ’74  nel carcere di Alessandria tre detenuti sequestrano un medico, un’assistente sociale, sei insegnanti e sei agenti. Polizia e carabinieri circondano l’edificio, i detenuti chiedono di poter lasciare il carcere in un furgone. In serata il governo consente una soluzione di forza di polizia e carabinieri che porta alla morte di due ostaggi.

Il giorno dopo vi è l’assalto, diretto dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, che porta all’uccisione di due detenuti e tre ostaggi. Un massacro. Dalla Chiesa non viene destituito, viene anzi nominato plenipotenziario del nuovo sistema carcerario. A lui viene affidato il compito di individuare e predisporre il circuito delle carceri speciali e di sovrintendere alla loro sicurezza.

Il Procuratore della Repubblica Reviglio della Veneria commenta: «Un’azione meravigliosa, condotta magistralmente dai carabinieri ». Sette morti.  [pag.163, 164 Maelstrom-scene di rivolta e autorganizzazione di classe…]
( da il Manifesto dell’11 e 12 maggio 1974)

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Carcere, Repressione dello Stato e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a 1974: lo Stato e la Dc rispondono con le stragi al movimento dei detenuti; omicidi e affossamento della riforma

  1. Pingback: La rivolta del carcere delle Murate e l’uccisione di Giancarlo Del Padrone: 24 febbraio 1974 « Polvere da sparo

  2. Pingback: 9 μαίου 1974, Φυλακή της Alessandria : σφαγή κρατουμένων και ομήρων | Αέναη κίνηση

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...