Il carcere è uno strumento di oppressione di classe?

Il carcere è di classe?

CellaQuando affermiamo questa cosa ci dicono che siamo “settari”, “schematici” e anche un po’ “passatisti” o “retrò”.

Ma cosa affermiamo che suscita tanto scandalo? Semplicemente che il carcere è una struttura di classe. Si incarcera la povertà, i proletari, gli ultimi, gli emarginati. Questa costatazione la prendiamo oltre che da una convinzione teorica,  semplicemente dai dati: oltre il 95% di chi sta in carcere proviene dalle classi basse o se volete dirlo in altro modo, sopravvive, male, relegato nei gradini più bassi della scala sociale.

Non siete convinti/e? Allora leggiamo attentamente questa sentenza.

È riportata dal News Journal, un quotidiano della Florida negli Usa, qualche giorno fa: la sentenza è stata emessa nel 2009 e si è conosciuta solo in questi giorni per vari motivi, ma ciò che afferma è di grande interesse.

Riporta dunque il News Journal che un uomo, tal R.R. Di 47 anni è stato condannato per aver violentato la figlioletta di 3 anni. Il codice di quel paese prevede una condanna fino a 15 anni e essendo il R.R. reo confesso la Corte l’ha condannato a 8 anni.

carcere-di-Marassi-GenovaPerò… attenzione: 8 anni di condanna ma… con la pena sospesa e in libertà vigilata. Perché? Perché, dice il giudice, l’ambiente carcerario non è adatto a lui, in quel luogo non sarebbe in grado di cavarsela, avendo trascorso la sua vita negli agi e nella ricchezza. Difatti il signor R.R. è un rampollo della dinastia dei Du Pont (Colossi della chimica). Il giudice ha accolto la tesi della difesa che aveva affermato che:

È una circostanza estremamente rara che il carcere fa bene al detenuto” ha detto Brendan J. O’Neill, avvocato difensore di R.R. che fa parte della Richards Layton & Finge, potente studio di avvocati creato proprio dalla famiglia Du Pont. “Lo scopo del carcere è quello di punire, di separare il condannato dalla società, e l’idea che il carcere possa servire per redimere non è stato dimostrato nella maggior parte dei casi”.

Ottima tesi, quella dei difensori, da condividere pienamente. È vero che il carcere non serve a migliorare il reo; noi lo diciamo da decenni, e smentisce tutti quei sostenitori del modo di vita statunitense che però, qui da noi, esaltano il ruolo della galera come “rieducazione”.

E allora: se vale per il rampollo dei Du Pont, che il carcere non serve a migliorare né a rieducare non vale forse anche per quegli altri e altre 2.500.000 rinchiusi nelle galere statunitensi? Ripeto due milioni e mezzo!riabilitazione-sospesa

Dunque: o fate pace col cervello, oppure siate sinceri una volta tanto e ditelo e diciamolo tutte e tutti: il carcere non è altro che lo strumento con cui la classe possidente, padronale, capitalista, bancaria, finanziaria tiene sottomessa col terrore la classe dei non-proprietari, degli sfruttati, dei poveri, degli ultimi.

E facciamola finita con le cretinate!!!!

Buon Primo Maggio  e ricordiamo:

il PRIMO MAGGIO NON SI LAVORA!!!    ( e nemmeno si fanno le compere!!!)

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Carcere e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il carcere è uno strumento di oppressione di classe?

  1. sebastianoisaia ha detto:

    Un piccolo contributo eccezionalmente “settario” alla discussione: http://sebastianoisaia.wordpress.com/2014/03/05/il-carcere-e-e-la-societa/
    Grazie. Ciao!

  2. vittoria ha detto:

    buon primo maggio di lotta salvo

  3. Pingback: Il carcere è uno strumento di oppressione di classe? | NUOVA RESISTENZA

  4. carcereverita ha detto:

    Sono all’inizio del mio blog e sto un po’ “esplorando”. Per caso ho trovato i tuoi articoli e vedo che trattiamo argomenti molto simili e con lo stesso punto di vista…mi farebbe piacere segnalarti il mio blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...