Come si muore oggi in carcere

Questa lettera-denuncia ci è pervenuta stasera. E’ scritta dai detenuti di Rebibbia carcere di Roma, scritta con la penna e con tanta rabbia, non ancora espressa in lotta organizzata. Rabbia di fronte alla morte di un loro compagno dovuta al cinismo del sistema penitenziario e all’indifferenza della società. Diffondetela ovunque!!! 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Carcere e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Come si muore oggi in carcere

  1. gianni ha detto:

    Ho letta la lettera di questi compagni detenuti.Accetto e diffondo la loro denuncia.Mi meraviglio della conclusione che fa appello al rimorso di coscienza…ma chi ci crede più! Sono invece d’accordo con la propaganda armata dei NAP (infatti erano quasi tutti ex-detenuti), più efficace di qualsiasi volantino od articolo di giornale, tanto più che oggi i midia sono più blindati di ieri, sia a destra che a sinistra.Io sono anarchico ma non di quelli che si aspettavano giustizia dallo Stato dopo la morte in carcere per emorragia cerebrale del compagno Franco Serantini pestato a morte dai celerini in carcere, ignorato dal medico del carcere dottor Mammoli che successivamente ebbe una punizione corporale dai compagni anarchici. Un tempo si diceva: “colpiscine uno per educarne cento (o dieci, non ricordo più!)”. Prima o poi qualcuno dovrà riprendere queste considerazioni, se ha sangue, carattere e sensibilità concreta. Saluti anarchici Gianni Landi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...