Sciopero del lavoro nelle carceri Usa

#PrisonStrike negli Usa – Manifestazioni dentro e fuori le carceri

da http://www.chicago86.org/index.php

L’America imprigiona più persone di qualsiasi altro paese sia in termini assoluti che relativi.

Gli Stati Uniti ospitano nei loro penitenziari due milioni e mezzo di detenuti: circa 0,8 ogni 100 abitanti, 1 ogni 100 adulti, 1 ogni 31 adulti se calcoliamo tutti coloro che hanno un conto aperto con il sistema correctional (per il 60% neri o immigrati).

I prigionieri sono tenuti in condizioni disumane che includono lunghi periodi di isolamento, in violazione ai protocolli internazionali contro la tortura, e il loro lavoro viene pagato una miseria.

Per questi motivi il 9 settembre è stato organizzato uno sciopero dei prigionieri “contro la schiavitù carceraria”. Tra i gruppi che hanno supportato la protesta l’IWW Incarcerated Workers Organizing Committee, che punta al collegamento tra le lotte dei detenuti e il sindacato all’esterno.

La data dello sciopero non è casuale: si ricollega al 9 settembre del 1971, giorno della rivolta nel penitenziario di Attica, a New York, dove più di un migliaio di prigionieri neri e latinos si ribellarono a condizioni di vita insopportabili, prendendo in ostaggio decine di secondini e subendo una durissima repressione da parte dello stato.

Il #Sept9 grandi gruppi come Walmart, Starbucks e McDonald’s, che si basano sul lavoro coatto dei carcerati, sono stati oggetto di presidi e sit-in. Manifestazioni di solidarietà si sono tenute, oltre che nelle maggiori città statunitensi, a Malmö, Atene, Barcellona e in altre località europee.

L’obiettivo principale delle proteste è stato McDonald’s, una delle aziende simbolo della globalizzazione che negli ultimi anni ha visto massicce mobilitazioni operaie per l’aumento dei salari e per migliori condizioni di vita. L’account @fightfor15 ha twittato il seguente messaggio: “McDonald’s uses sub-minimum wage prison labor to make uniforms for minimum wage workers. And makes billions doing it. #PrisonStrike”

More info:
www.inventati.org/cortocircuito/2016/09/03/sciopero-nelle-prigioni-usa-il-9-settembre-prossimo/
www.radiondadurto.org/2016/09/08/usa-sciopero-nelle-prigioni-a-milano-lunedi-presidio-per-leonar-peltier/
https://itsgoingdown.org/prisonstrike-resistance-to-slavery-across-the-world/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Carcere e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sciopero del lavoro nelle carceri Usa

  1. Gianni Landi ha detto:

    Faccio girare questa tua ricerca evidenziando il fatto che la televisione italiana fa vedere i carceri italiani ed americani come degli alberghi a tre stelle, con mense collettive,televisione ecc. Ricordiamoci che anche in Italia ci furono sanguinose rivolte negli anni ’70 e se non ci furono morti dipese dal fatto che lo “scontro” , il conflitto era meno esacerbato, meno ultimativo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...