In trent’anni nulla è cambiato e il carcere continua a uccidere

13 giugno 2016:

Carcere di Uta, Cagliari: donna di 51 anni si impicca in cella. G. M. era tossicodipendente, non effettuava colloqui con i familiari. Avrebbe finito di scontare la pena tra un anno.

Trent’anni fa, 8 aprile 1986 carcere di San Vittore a Milano:

Morte tossico S Vittore

 

 

Trent’anni sono passati. Tante chiacchiere sul carcere, tanti progetti di riforma della detenzione, tanti proclami: “renderemo le carceri luoghi di vera rieducazione” hanno detto presidenti, papi e ministri.

Ma il carcere continua a uccidere e sempre di più. Perché il carcere ha quel compito: devastare, annichilire la personalità umana… e dunque uccidere! Dal 2000 ad oggi le morti in carcere sono stati 2.536 di cui 904 suicidi (aggiornati al 15 giugno 2016).

Vedi anche qui 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Carcere e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...