i rivoluzionari vanno assassinati e anche psichiatrizzati!

37  anni fa Ulrike Meinhof, militante della Raf (Rote Armee Fraktion), venne “suicidata” il 9 maggio del 1976. Oltre l’isolamento totale e le innumerevoli vessazioni, l’accanimento dello stato tedesco continuò anche dopo il suo assassinio.  Ci provarono con l’aiuto della psichiatria. Qua sotto un triste articolo del Corriere della Sera del 2002 (che rimpiange Lombroso)  e uno de il Manifesto del 1973

Meinhoff

Corriere della Sera (10 novembre 2002) Pagina 15
«L’ autopsia accertò che mia madre era impazzita dopo l’ asportazione di un tumore, ma i risultati furono tenuti nascosti»
Il giallo del cervello rubato di Ulrike Meinhof
La figlia della terrorista: «Fu asportato dal cadavere e confrontato con quello di un serial killer» Secondo la denuncia della donna gli ultimi resti della fondatrice della Raf sono conservati in un barattolo di formalina all’ Università di Magdeburgo
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE BERLINO – All’ Istituto di psichiatria e medicina psicosomatica dell’ Università di Magdeburgo, viene conservato un contenitore di vetro. Dentro, annegato nella formalina, c’ è un cervello umano. E’ lì dal 1997, speditovi da un neuropatologo dell’ Università di Tubinga, il professor Jürgen Pfeiffer. In questi anni, lo scienziato Bernhard Bogerts, direttore dell’ Istituto, lo ha sottoposto a dei test comparativi con un’ altra materia cerebrale conservata nel suo laboratorio, quella di un poeta serial-killer, Ernst August Wagner, che nel 1913 aveva ucciso la moglie, i suoi quattro figli e, successivamente, altre nove persone. Ma quella trasferita da Tubinga a Magdeburgo, non è materia grigia qualunque. E’ infatti il cervello di Ulrike Meinhof, la più celebre terrorista degli anni di piombo, fondatrice, insieme a Andreas Baader, della Rote Armee Fraktion, le brigate rosse tedesche, morta suicida nel 1976. E gli inquietanti esperimenti del dottor Bogerts, che nel caso Wagner sarebbe riuscito a stabilire un nesso fra i comportamenti criminali del poeta e alcune malformazioni patologiche, rinvenute nella sua scatola cranica, hanno fatto da miccia a una polemica, che contesta la verità storica ufficiale e sfiora anche la politica. A scatenarla è stata Bettina Röhl, giornalista e figlia di Ulrike Meinhof, che in un articolo apparso sulla Magdeburger Volksstimme ha definito illegale l’ uso a fini scientifici del cervello della madre, rivendicandone la restituzione. Ancora più grave, ha accusato la commissione internazionale indipendente, allora creata per accertare le cause della morte della terrorista, di aver nascosto i risultati del rapporto, stilato allora dal professor Pfeiffer, che per primo analizzò l’ organo nel quadro dell’ autopsia. Nella relazione, di cui Bettina Röhl è entrata in possesso solo adesso, dopo oltre 25 anni, Pfeiffer affermava che il cervello della Meinhof era stato seriamente danneggiato nel 1962, in seguito alla rimozione di un tumore benigno. Secondo il neuropatologo, esisteva un rapporto diretto fra il danno subito dalla materia cerebrale nell’ intervento e il comportamento criminale degli anni successivi. Ce n’ era abbastanza insomma, per poter argomentare una parziale o totale infermità mentale della donna. Pfeiffer conferma questa conclusione, anche se sostiene di aver mandato il cervello a Magdeburgo, con il pieno consenso della procura federale, proprio per cercare ulteriori conferme alla sua tesi. Ma è soprattutto la prima circostanza, a scatenare la rabbia della Röhl, che accusa la Commissione d’ indagine di aver volutamente tenuto segreto il documento. La giornalista ricorda anche che, «a invocare l’ inchiesta indipendente fu, fra gli altri, Otto Schily», allora avvocato difensore di alcuni terroristi della Raf e oggi ministro degli Interni. E solleva un sospetto: «Forse fecero il calcolo, che ammettere la follia di Ulrike Meinhof, considerata la forza intellettuale trainante della Raf e guardata come guida spirituale del movimento, sarebbe stato una catastrofe per l’ identità e la giustificazione del terrorismo?». In altre parole, la leggenda doveva essere difesa, nell’ iconografia dell’ Apo, l’ opposizione extra-parlamentare, Ulrike Meinhof doveva restare terrorista per scelta e non perché squilibrata. Obiettivo centrato, dal momento che il personaggio Meinhof è stato di recente anche oggetto, in Germania, se non di una riabilitazione, di una rilettura meno negativa. Röhl non lancia un’ accusa precisa nei confronti di Schily, il quale, in ogni caso, non fece parte della commissione. Ma è chiaro che, facendone il nome, la giornalista intenda gettare un’ ombra sul ministro. Aveva fatto lo stesso con Joschka Fischer, nel gennaio 2001, quando, al culmine della polemica sul passato ribelle del ministro degli Esteri, lo accusò di essere stato contiguo ai futuri terroristi. Mescolando sensi di colpa e risentimenti, Röhl è convinta che sua madre pagò da sola le colpe di una generazione, in un modo o nell’ altro collettivamente responsabile di quella stagione di sangue.
La giornalista Ulrike Meinhof fu insieme ad Andreas Baader la fondatrice della Rote Armee Fraktion (Raf), organizzazione terroristica tedesca che negli anni 70 e 80 lanciò una durissima sfida allo Stato federale, lasciandosi dietro una lunga scia di sangue  La prima azione della Raf risale al 2 aprile del ‘ 68, quando Baader e la sua compagna Gudrun Ensslin misero una bomba in un supermercato di Francoforte. Sono 34 gli omicidi imputati alla Raf commessi tra il 1968 e il 1998 (anno in cui la Raf annunciò il suo scioglimento)  Il 14 maggio del 1970 la Meinhof aiutò Baader a scappare dalla prigione di Berlino in cui era rinchiuso (per questo si parla anche di banda «Baader-Meinhof»)  Entrambi furono riarrestati. La Meinhof si impiccò in carcere nel 1976. Andreas Baader insieme con Gudrun Ensslin e Jan-Carl Raspe fu trovato morto nella prigione di Stammheim all’ alba del 18 ottobre 1977: per anni i seguaci della Raf avevano rapito e ucciso persone per convincere il governo tedesco a liberarli
Valentino Paolo

Su Ulrike Meinhof vedi anche qui  qui 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a i rivoluzionari vanno assassinati e anche psichiatrizzati!

  1. Marco Pacifici ha detto:

    …per anni i Compagni della RAF (come i Compagni delle BR) avevano rapito e giustiziato mostri infami sfruttatori ed affamatori del POPOLO per convincere i governi nazifascisti (nati dalla RESISTENZA al nazifascismo) a liberare i Compagni sequestrati. Perdonatemi la correzione alle ultime righe dell’articolo di Parlato Valentino.

  2. gianni ha detto:

    Una sola considerazione riguardo alla richiesta della figlia di Ulriche Meinhof della restituzione del cervello di sua madre anzichè tenerlo in un museo sotto formalina. Prprio lei che aveva detto peste e corna di sua madre! Vada a cacare, insieme a quelli che chiesero la restituzione del cervello di Passanante per seppellirlo in Calabria…magari con una bella croce sopra. NO, NO e poi NO!! Le idee di Lombroso sul cervello e la fisionomia dei criminali, come il razzismo non sono ancora morti ed è bene che questi cervelli sotto formalina rimangano dove sono per far capire quanta gente di merda ci sia ancora in giro. Qualcuno, nel passato, ha sezionato il cervello di Einstein per cercare di capire dove fosse localizzata la sua genialità! Lo sapevate? Gianni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...