Carcere di Brindisi: non va bene …

di Vito Totire

Qualche anno fa sollevammo il problema del carcere di Brindisi, specchio alquanto fedele della criticità del sistema carcerario a livello nazionale. Alcune reazioni istituzionali all’epoca cercarono di negare la evidenza con toni da “tutto va bene madama la marchesa”. Ma da quel momento non abbiamo assistito a provvedimenti che consentissero di coltivare la speranza del cambiamento. Anzi gli ultimi tre governi in carica hanno fatto di tutto per affossare le proposte emerse dai tavoli degli “Stati generali per l’esecuzione penale”.

Dunque gli ultimi tre governi hanno tollerato anzi consentito il peggioramento delle condizioni di vita nelle carceri sia per le persone detenute che per i lavoratori penitenziari; hanno consentito la ricrescita degli indici di affollamento (la Puglia è al top del degrado) e la negazione diffusa dei diritti e delle prerogative costituzionali. In questo quadro giunge la denuncia – giovedì 19 dicembre – tramite Radio carcere di un Comitato costituito dalle persone detenute a Brindisi che lamenta:

leggi tutto

Questa voce è stata pubblicata in Carcere e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.