Non siete soli, Sondrio brucia

Sul giornale “La Provincia di Sondrio” di ieri , 10 ottobre, è comparso un articolo che parlava della comparsa sul muro di cinta esterno del carcere di Sondrio di una scritta:  “Non siete soli, Sondrio brucia”

La Digos è intervenuta in forze e, dopo aver visionato per ore e giorni, la scritta risale al 4 ottobre,  i filmati delle telecamere di videosorveglianza pubblica e privata posizionate in alcuni punti strategici della città, gli agenti hanno identificato l’autoredi un gesto così terribile, un uomo di 33 anni denunciato per danneggiamento aggravato.

La spiegazione è molto semplice: l’uomo, un ex detenuto, voleva portare solidarietà e dare conforto ai detenuti del carcere di Sondrio che da giorni sono impegnati in una protesta, sciopero della fame e battiture (vedi post qui sotto ) contro le indegne condizioni di detenzione.

Era necessario tanto dispiegamento di forze e di energie? Ci voleva molto a capire che nessuno voleva incendiare nulla; la scritta voleva sperare in uno scatto di dignità della popolazione di Sondrio, un fuoco di passione nel solidarizzare con la lotta dei detenuti.sondrio-carce

Le cose semplici sono le più difficile a capirsi!

Solidarietà ai detenuti in lotta nel carcere di Sondrio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Carcere e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Non siete soli, Sondrio brucia

  1. Gianni Landi ha detto:

    Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...